giovedì 16 giugno 2011

Tout simplement...Hermé


Chi mi segue sa bene che non ho una passione smodata per i dolci, almeno per quelli fatti da me :)
se parliamo di quelli fatti da altri beh ne mangerei molti di più :P

Questa ricetta l'ho tratta da un libro che per me è una sorta di Bibbia dei dolci:
Le Larousse des Desserts del Maestro Pierre Hermé.
Fantastico! è un punto di riferimento che non può mancare nelle vostre foodie-biblioteche :)

Una torta davvero semplice da fare che mi ha anche permesso di smaltire un bel pezzo di cioccolato fondente che avevo in dispensa..a proposito ma lo sapevate che la migliore qualità di cacao viene dal Ghana? anche se la gran parte del cacao importato viene dalla Costa d'Avorio, il cacao ghanese permette la fabbricazione di un cioccolato eccellente! Ne ho assaggiato sia fondente che al latte e sono entrambi divini, quindi se vi capita compratelo senza esitare! (questi sono alcuni dei vantaggi del mio lavoro!)

La torta che vedete l'ho preparata per i miei nipoti, amanti solo dei dolci al cioccolato... e chiamateli fessi! si direbbe dalle nostre parti :D
Potete notare l'ambientazione bucolica delle foto fatte nel giardino di mia sorella; foto scattate mentre il nostro caro Ramses, un piccolo (si fa per dire!) doberman di due anni, col naso all'aria annussava e cercava di fregarsi in un sol boccone l'intera torta...e l'avrebbe fatto se mio cognato non lo avesse tenuto a bada!

Sabato parto per Marseille, spero di postarvi delle belle foto al mio ritorno, ma non preoccupatevi starò via solo pochi giorni :) ...e per lavoro sigh!


Torta al cioccolato Hermé

3 uova
125 gr di zucchero
125 gr di burro
Un pizzico di sale
150 gr di cioccolato fondente
3 cucchiai di latte
125 gr di farina 00



Rompete le uova e separate gli albumi dai tuorli. Aggiungete lo zucchero ai tuorli e batteteli con la frusta finché non diventano bianchi e spumosi. Tagliate il burro in piccoli pezzi per farlo ammorbidire e mettetelo in una terrina. Battete i bianchi a neve ferma con un pizzico di sale. Rompete il cioccolato in pezzi, aggiungete il latte e fate sciogliere in una casseruola a bagnomaria o più velocemente al microonde. Amalgamate bene il composto.

Nel frattempo accendete il forno portandolo a 190° C. Fate leggermente riscaldare la terrina col burro mettendola nel forno per un paio di minuti. Tolta dal forno aggiungetevi per prima il cioccolato caldo, mescolate e poi unite alla preparazione i rossi rimescolando bene il composto. A questo punto versate a pioggia la farina setacciata ed infine i bianchi montati a neve. Imburrate uno stampo di 25 cm di diametro e infornate per circa 45 minuti. Fate raffreddare e sformate.

Ho servito accompagnando con una marmellata biologica di albicocche.

43 commenti:

  1. quasi una 4/4 di cioccolato.. che buona ma soprattutto che bella!

    RispondiElimina
  2. Anche io non amo troppo i dolci (preparati da me poi non ci penso proprio, o quasi). Mia mamma dice sempre che, da piccola, non si è mai preoccupata di mettermi in guardia dall'accettare caramelle da sconosciuti, ma piuttosto dall'accettare panini alla mortadella! :-)
    La tua torta ha un bellissimo aspetto e deve essere proprio buona vero?
    Un abbraccio, buon viaggio e ...torna presto ;-)

    RispondiElimina
  3. Con tale pedigree questa torta parla da sola...e la tua realizzazione perfetta dà ulteriore conferma, se mai servisse ;-)

    RispondiElimina
  4. giovii che bella questa torta!
    fai tante foto a marsiglia perché dopo aver letto libri e libri di izzo siamo curiosissimi di vedere com'è!
    adesso andiamo a curiosare il post su gente del fud.
    p.s. ti aspettiamo a roma eh! altrimenti ti veniamo a prelevare :))

    RispondiElimina
  5. ciao giooooooooooooooooooooooo!
    un bacino :)

    RispondiElimina
  6. gnammmmmmmmmmmmm che bontà! complimenti, un bacione! :D

    RispondiElimina
  7. La mia passione per i dolci e solo per quelli fatti dagli altri, io non ne sono capace...per sempio la tua è talmente invitante che metà la mangerei tranquillamente. Sono stato l'anno scorso a Marsiglia, buon we allora, ciao e a presto.

    RispondiElimina
  8. "E chiamali fessi...i nipoti" lo direi pure io!!!
    Bellissima questa margherita ma soprattutto irresistibilmente golosa :D! Baci, buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Quasi quasi ai tuoi nipoti gli faccio conoscere quel "morto di fame per dolci" di quel nannerottolo di 3 anni che è mio nipote :P ahahahahaha
    Magari prima della conoscenza però gli faccio la torta postata da te in modo che almeno non potrà dire:"pecchè a 'lloro si ed a me no!" :D ehehehehe
    Grazie per l'ottimo spunto e ci sentiamo quando torni :)))

    RispondiElimina
  10. allora mi aggiungo con i tuoi nipoti e ne voglio subito una fetta!e poi hai scelto un maestro per le torte!buon viaggetto allora.la città la conosco molto bene e cerca di godertela un pochino perchè ne vale la pena.e mangia tanta bouillabesse (ho qualche dubbio su come si scriva!)

    RispondiElimina
  11. Buon viaggio... e fai tante foto!
    Beati i tuoi nipoti, io questo dolce me lo spazzolerei subito.
    A presto

    RispondiElimina
  12. E meno male che non ami fare i dolci: questa torta è perfetta nell'aspetto e scommetto anche nel sapore! Bon voyage!

    RispondiElimina
  13. Ho acquistato il mio primo libro di Hermé qualche mese fa e devo dire che è molto dettagliato, con spiegazioni minuziose e preziose dritte. Immagino cosa deve essere questa!

    Dora

    RispondiElimina
  14. Ecco qui un'altra golosa di dolci e soprattutto di cioccolato all'appello ^^ bella per le pupille buona per le papille la torta intendo eh ;)

    RispondiElimina
  15. Anch'io non sono una grande amante dei dolci, però la tua torta è molto, molto golosa, ne mangerei volentieri una fetta.

    Baci e buon fine settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  16. ma senza lievito? qualche giorno fa ho provato una ricetta simile (senza lievito anche essa) ed è venuta una sola...ihihi... l'ho dovuto tagliare a fettine sottili e rimettere nel forno per ricavarne dei biscotti... cosa ho sbagliato?

    RispondiElimina
  17. Dei veri buongustai i tuoi nipoti, questa torta è fantastica!! attendiamo le foto di Marsiglia.
    Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  18. splendido risultato, viene voglia di "sfogliarla" petalo dopo petalo! mi incuriosisce l'assenza di lievito, però...mi fido, e proverò! :-)

    RispondiElimina
  19. @cinzia grazie!

    @rosalba eh eh eh accettare panini dagli sconosciuti? :D

    @arabafelice ho solo seguito la ricetta alla lettera :) ma grazie!

    @banda carissime! ...mi chiedevo con questo caldo magari si organizza un we di mare in costiera, meglio no? ho anch'io un divano molto scomodo per ospitarvi! :D

    @babs mon amour!

    @lericette grazie :-)

    @max/nuccio è stato grande conoscerti! e non ci credo che non sai fare dolci! :)

    @federica è finita un mezza giornata! :)

    @gambetto caro mario! se li mettiamo insieme tutti facciamo un bel danno :D

    @lucy già sono pronto tra le pause degli incontri a fare quelche bel giro :)

    @marina grazie, spero di avere il tempo x le foto!

    @elena grazie mille!

    @dora cara dora! hermé è un vero maestro e il libro è grandioso!

    @sonia bella la rima! :)

    @giovanna golosa e cioccolatosa :P viste le rime

    @natalia prova prova vedi che riesce bene! dentro è bella morbida morbida!

    @daniela grazie! ma i mie nipoti sono dei maniatutto quando c'è il cioccolato!

    @merendasinoira ero scettico anch'io ma ti assicuro che segundo le istruzioni alla lettera la morbidezza è assicurata!

    RispondiElimina
  20. sì sì..che oggi ne ho bisogno!!! mi deve tirare su!!!! grazie giò!

    RispondiElimina
  21. Questa torta è un attentato alla linea...Ma come si può resistergli?!

    RispondiElimina
  22. Questa torta è golosissima, ne mangerei volentieri una fetta! Complimenti, Gio, e buon viaggio!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  23. Il libro in libreria c'è! Perchè non avevo visto questa torta? E' pure senza lievito...hai sfornato una delizia! Perfetta! premesso che così mi verrà difficilmente, la proverò...troppo buona:)

    RispondiElimina
  24. Le torte di cioccolato sono sempre buone, mi piace la forma di questa torta golosissima!! :D In quest'epoca di intolleranze è buono, poi, fare un dolce senza lievito!
    Mi dispiace per la mia prolungata assenza, ma ultimamente sono letteralmente sommersa di lavoro...
    Comunque, mi segno anche questa torta, e credo che voglio comprarmi quel libro anch'io!! :)
    Buona domenica e buon viaggio!! :D

    RispondiElimina
  25. Cioccolatoso e golosissima questa torta, la adoro!!!!!! Buon viaggio Gio, noi ti aspettiamo. . . Baci!

    RispondiElimina
  26. Questa torta al cioccolato è una goduria... :-)D
    Marsiglia ha un fascino molto particolare, spero che tu abbia un pò di tempo per godertela!
    Buon viaggio

    RispondiElimina
  27. anch'io amo più il salato che il dolce, questi ultimi mi diverto più a farli che a mangiarli.
    Grazie per aver condiviso con noi questa ricetta.

    RispondiElimina
  28. woww...Gio....bellissima la prima foto e chissà che buona!!!!

    RispondiElimina
  29. che bella!!
    beh i tuoi nipoti hanno pèroprio ragione,
    non si può resistere a una torta come questa!

    buon viaggio

    Giulia

    RispondiElimina
  30. Ciao,
    ho aperto un contest in collaborazione con Le Creuset, se vuoi saperne di più su come partecipare trovi tutto qui http://panperfocaccia-grianne.blogspot.com/2011/05/una-gita-senza-formaggio-con-le-creuset.html
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  31. Delizioso dolce di un libro che ha illuminato in tante occasioni, solo a sfogliarlo é un piacere..E vedere questo dolce giá mi ha messo buon umore...! Bacioni

    RispondiElimina
  32. Gio hai fatto un dolce delizioso, anche i miei bambini adorano i dolci al cioccolato ( fessi pure loro!!) ti prendo la ricetta e aspetto il tuo ritorno! Bacioni

    RispondiElimina
  33. Giò prova il cacao di Domori

    RispondiElimina
  34. ciao Gio, io concordo con i tuoi nipoti : o cioccolato, o niente. E se poi si aggiunge anche il piccolissimo particolare che la ricetta è di quel genio del cioccolato di Hermè, allora diventa subito una delle mie preferite !!! Il nome giusto per questa torta ?? La Divina .. rende bene l'idea !!!! E Buona Marseille, ti aspettiamo al tuo ritorno. Manu

    RispondiElimina
  35. Hanno ragione i nipoti, i dolci con il cioccolato sono i più buoni!!!! Bella anche la forma che hai dato alla torta... un abbraccio Giò e buona settimana
    ps. mi hai fatto troppo sorridere con Ramses!!!

    RispondiElimina
  36. Che bell'aspetto!!!!
    very yummy!
    barbara

    RispondiElimina
  37. HA UN ASPETTO DELIZIOSO.QUESTO DOLCE....CHE BELLA FORMA IO IMMAGINO PURE IL SAPORE...BUONA CUCINA E BUONA VITA!!!

    RispondiElimina
  38. E chiamalo fesso pure il cane... mi sa che è tipo il mio, ama trattarsi bene: il caramello di Trish, la cioccolata di Pierre... ci manca soltanto che pretendano le porcellane di Limoges per la mise en place!

    RispondiElimina
  39. avrei tanto bisogno di una fetta di questa torta stasera...

    RispondiElimina
  40. che dire...buona! io amo le torte al cioccolato!:D
    adesso ne mangerei una fetta, magari la statistica la capisco meglio!:D

    RispondiElimina
  41. Hermè vuol dire sicurezza e questa torta dev'essere stragolosissima!!!

    RispondiElimina
  42. Hermé... dici poco!!! ;)
    Anche nella semplicità ..un grande... e grande te nel farlo e proporlo, chissà che bontà!

    RispondiElimina
  43. Sai cosa ci farei con la bella margheritona al cioccolato??? il gioco m'ama nn m'ama solo che ogni petalo me lo magno!!! ahahah sicuramente buonissima!

    RispondiElimina

Se ti fa piacere lascia qui un commento, grazie!

Ultimi post